Visita il Ticino con noi

Vieni e unisciti a noi per pedalare sui sentieri più famosi e belli, delle montagne della regione del Ticino, o del resto della Svizzera.
Prenota già oggi la tua guida
.

#twowheelsonelove

Perché scegliere Ticinofreeride?

Facciamo il nostro lavoro con passione già da 10 anni e sappiamo dove trovare i migliori percorsi per tutti i tipi di biker, inoltre abbiamo un’approfondita conoscenza di tutti i buoni ristoranti della regione e sappiamo dove trovare il miglior caffè o gelato.

Il nostro team è composto interamente da guide certificate “Swiss Cycling MTB Guide”.
Siamo anche a disposizione per le vostre necessità in ambito della supervisione per creazioni di contenuti mediali, supporto alla produzione, scouting di location adatte, corsi di formazione, il vostro evento, e molto altro!

Guiding

La prima volta in Ticino o in Svizzera e non sapete esattamente dove andare?

Perché non prenotare una delle nostre guide locali che ti potrà mostrare questa bellissima parte del mondo.
La tua guida sa di certo dove trovare i migliori percorsi per tutti i tipi di biker e ha una conoscenza approfondita di tutti i buoni ristoranti e grotti nella regione.

1 giornata - IL PIÙ POPOLARE

CHF 430.00
Dalle 9.00 alle 16.00
Prezzo per istruttore / guida

1/2 giornata

CHF 270.00
9.00 – 12.00 o 13.00 – 16.00
Prezzo per istruttore / guida

Prezzo orario

CHF 90.00
Minimo 2 ore
Prezzo per istruttore / guida

 Bike shuttle

Fatti trasportare e accompagnare su alcuni dei migliori e più belli singletrail che il Ticino / Svizzera e l’area circostante hanno da offrire.
Offriamo una vasta gamma di percorsi per vari livelli di abilità, quindi ci sarà qualcosa per tutti e questo grazie alla nostra collaborazione con una grande rete di guide MTB in tutta la Svizzera.

 

Shuttle tour & guide – full day
  • 1020.- CHF (iva e spese incl.)
  • guida MTB certificata
  • autista
  • furgone + rimorchio
  • km illimitat, in tutto il Sopraceneri
  • snack on the road
  • fino a 6 biker con le loro bici (=> da 170 CHF/testa)
  • partenza dalla stazione FFS di Locarno
Shuttle tour – full day
  • 525.- CHF (iva e spese incl.)
  • autista
  • furgone + rimorchio
  • km illimitat, in tutto il Sopraceneri
  • snack on the road
  • fino a 7 biker con le loro bici (=> da 75 CHF/testa)
  • partenza dalla stazione FFS di Locarno

Trail taxi

 

L’autopostale non é abbastanza flessibile o lo spazio per le vostre biciclette é insufficiente? Il Trail Taxi della ticinofreeride, ti porterà dritto all’inizio dei trail.

Il nostro servizio Trail Taxi ti porterà all’inizio del tour e / o ti verrà a prendere a destinazione.
Il nostro Trail Taxi è molto flessibile e farà in modo che voi e le vostre bici arriviate comodamente a destinazione.
I nostri prezzi dipendono dalla distanza, dal numero di persone e dal tempo richiesto.
Contatta ticinofreeride per un’offerta per rendere il tuo tempo in bici il più semplice e divertente possibile.

Il nostro Trail Taxi ti aiuterà in ogni situazione.

 

Corsi privati

Corsi di tecnica di guida personalizzati per tutte le età e livelli, da soli o in gruppo.
Ti mostreremo come puoi goderti i sentieri sulla tua bici con maggiore sicurezza e divertimento.

Esci all’aria aperta e per un po’ dimentica la tecnologia!

In modo giocoso e orientato all’esperienza, insegniamo a bambini, adolescenti e ai novizi di questo sport, la tecnica di guida necessaria su come gestire la bicicletta in modo sicuro e giocoso.

Che tu sia un principiante o un piccolo campione, il nostro modello ti assicura di trovare la giusta confidenza.

Facciamo pratica in un posto sicuro, e poi seguiamo i vari sentieri della regione per applicare ciò che abbiamo appreso.

Corso per principianti

Obiettivi di apprendimento:

  • Regolazione cockpit e bici
  • Salita e discesa
  • Posizioni del corpo, del piede e della pedivella
  • Tecnica per cambiare i rapporti
  • Tecnica di guida, pedalata, curvare e frenare su varie superfici
  • Guidare in piedi
  • Posizioni in salita e in discesa

Età: da 8 anni

Partecipanti: da 1 a 8 partecipanti

Equipaggiamento:

  • Bici mantenuta in modo impeccabile
  • Casco (obbligatorio)
  • Abbigliamento da bici adattato con giacca antipioggia, occhiali da sole
  • Guanti da ciclismo, protezioni per ginocchia e gomiti (consigliato)
  • Camera d’aria di ricambio, pompa e attrezzi per piccole riparazioni
  • Bevande e snack
  • Farmaci personali (allergie e problemi di salute devono essere segnalati alla guida)

Costi:
CHF 70.- l’ora
+ CHF 10.- per ogni partecipante supplementare

Corso per avanzati

Obiettivi di apprendimento:

  • Guidare in gruppo
  • Scelta della linea ideale
  • Rollare e gli ostacoli
  • Sollevare la ruota anteriore e posteriore
  • Bunnie Hop
  • Alzare la ruota posteriore per curve strette
  • Manual e wheelie
  • Salti

Età: da 8 anni

Partecipanti: da 1 a 8 partecipanti

Equipaggiamento:

  • Bici mantenuta in modo impeccabile
  • Casco (obbligatorio)
  • Abbigliamento da bici adattato con giacca antipioggia, occhiali da sole
  • Guanti da ciclismo, protezioni per ginocchia e gomiti (consigliato)
  • Camera d’aria di ricambio, pompa e attrezzi per piccole riparazioni
  • Bevande e snack
  • Farmaci personali (allergie e problemi di salute devono essere segnalati alla guida)

Costi:
CHF 70.- l’ora
+ CHF 10.- per ogni partecipante supplementare

Social freeride

Stiamo per entrare nei mesi bui, nel senso che le ore di luce calano e, ciliegina sulla torta, domani notte torna l’ora solare, accorciando ancor di più le giornate.

Ecco qui 10 motivi per andare in mountainbike in notturna

1. Raidare nell'oscurità ti aiuta a migliorare ...la tecnica di guida
2. I trail che conosci a memoria, ti appariranno del tutto differenti
3. I sentieri di notte sono vuoti
4.In estate, troverai temperature più basse
5. Puoi praticare il tuo sport, una volta che hai completato tutti i tuoi compiti quotidiani
6. È una buona scusa per procurarti dell'attrezzatura nuova
7. Un night ride é più social
8. Utile metodo per evitare conflitti con altri utenti
9. Goditi lo spettacolo delle luci
10. Espandi la tua stagione
.
.
.
.
.
#bikeforlife #rideday #eveningride #longride #weekendride #bikeswithoutlimits #nightrides #sundayride #nightriders #nightriders

Lo sport ci salverà, almeno mentalmente ...
Per uscire sani di mente da questa situazione bisogna ingegnarsi. Noi biker abbiamo un’àncora di salvezza a portata di pedale. Per chi non l'avesse ancora fatto, consigliamo di farsi il pensiero di procurarsi una luce per le uscite in ...notturna perché stiamo per entrare nei mesi bui, nel senso che le ore di luce calano e, ciliegina sulla torta, sabato notte torna l’ora solare, accorciando ancor di più le giornate. Non rimane che contare i giorni fino al 21 dicembre, il solstizio invernale. Da lì in poi, minuto per minuto, la luce combatterà con successo contro il buio.

Fonte: Marco Toniolo - MTB MAG

Ciao a tutti, siamo alla ricerca di rider per effettuare un photoshooting e anche un video per la promozione del nuovissimo pump track di Faido. Idealmente ancora quest’anno.
Vi chiediamo quindi la vostra disponibilità in uno dei prossimi fine settimana.
Se siete disponibili mettetevi ...direttamente in contatto con noi TRAMITE MAIL a [email protected], lasciandoci i vostri dati di contatto in modo tale che possiamo ricontattarvi per organizzare la giornata.
.
.
.
.
.
Bellinzonese e Alto Ticino Turismo Ticino Turismo Velosolutions

Ora il Palmares di Nino Schurter è al completo: grazie a una manovra tattica e scaltra (v. video) il grigionese, al Monte Ceneri, conquista l'ultimo titolo elite che gli mancava piazzandosi davanti al francese Titouan Carod. A Mathias Flückiger manca il cruciale “mezzo punto percentuale”... ed è comunque premiato con la medaglia di bronzo.

Premiere del film: René Wildhaber - Born to Ride

Un nuovo cortometraggio mostra come René Wildhaber, figlio di contadini di montagna del Flumserberg, sia diventato uno dei migliori discesisti di lunga distanza al mondo. Il film verrà proiettato per la prima volta al pubblico domenica 18... ottobre, nell'ambito del Season End Party sul Flumserberg, al ristorante Prodalp. La prima esibizione è alle 11, sarà presente anche René Wildhaber in persona.

La famiglia di René Wildhaber si spostava tra tre fattorie che si trovavano a diverse altitudini sul Flumserberg. Una vita al ritmo dell'agricoltura di montagna. Non c'era una sola bici in fattoria, lo sport era irrilevante per tutta la famiglia, "il lavoro quotidiano era già abbastanza faticoso", descrive Wildhaber.
In qualche modo ha imparato comunque ad andare in bicicletta e ha trovato una bici della sua taglia. Utilizzando scene d'infanzia di René e dei suoi pensieri e sogni, il film “René Wildhaber - Born to Ride” mostra come la sua carriera sia stata tutt'altro che predeterminata.
Il protagonista segreto del film è Gian Andrea Girardi, un bambino di sei anni, che interpreta René Wildhaber nei panni di un contadino. Ovviamente non manca l'azione in mountain bike, ad esempio quando il giovane «Wildi», insieme a Claudio Caluori rendono insicuri i prati alpini del Flumserberg, alla mitica e temuta partenza della Mégavalanche Alpe d'Huez a René Wildhaber come allenatore dei junior. Le scene dell'infanzia sono state girate in due delle fattorie dei Wildhaber, che ora sono gestite dai due fratelli maggiori di René. Il film dura solo poco più di otto minuti. Tuttavia conoscerete Wildi meglio di prima, e poi potrete tornare sui trail del Flumserberg. Perché questa domenica gli impianti di risalita porteranno in quota gli appassionati di mountain bike per l'ultima volta in questa stagione 2020.
.
.
.
.
.
#borntoride #rené #wildhaber #wildi #flumserberg #prodalp #premiere #cortometraggio #endofseason René Wildhaber Claudio Caluori #seasonendparty #mtb #mtblife #bike #mountainbike #cycling #bikelife #downhill #enduro #mountainbiking #mtblove #cyclinglife #mtblifestyle #dh #ride

Guarda e goditi i campionati europei di mountain bike 2020 che si stanno svolgendo presso il Monte Tamaro - Monte Ceneri, in diretta streaming online.

✅ Live Stream Online 🔴 http://eurocycling.live/EuroMTB2020/
.
.
.
.
.
#mtbaddict #mtbtrails #mtbdaily ...#mountainbiking #mtbride #euromtb20 #vcmontetamaro #livestreaming #mtb UEC - Union Européenne de Cyclisme Ticino Turismo Lugano Region

La disaggregazione

In questa parola si nasconde l'assurda strategia di tenere lontani gli appassionati di mountain bike dagli escursionisti e viceversa. "la disaggregazione" si basa sull'opporsi a vicenda, ma noi pensiamo il contrario, il futuro sta nella ...convivenza.

Per molti, "disaggregazione" è una sorta di parola magica del momento. Gli appassionati di mountain bike qui, gli escursionisti là. “la disaggregazione” è la super formula per porre fine una volta per tutte ai supposti guai sui single trail. Percorsi separati portano all'armonia nelle varie zone di conflitto. Sembra logico a prima vista, ed è per questo che funzionari, esperti del turismo, pianificatori del territorio e persino consulenti specializzati si affidano sempre più a questa parola magica. Lo fanno perché per loro è la soluzione più semplice: costruire un nuovo sentiero cosicché gli appassionati di mountain bike e gli escursionisti sono felici. Suona quasi come na favola, ma è un vicolo cieco fatale.

Per una "disaggregazione" consistente dovrebbero essere effettuati massicci investimenti nell'infrastruttura di nuovi appositi trail. Questo è economicamente ed ecologicamente seriamente discutibile. La separazione porta a una massiccia invasione della natura, mentre gli appassionati di mountain bike e gli escursionisti cercano proprio una natura intatta. Non c'è niente di sbagliato nell'uso di tracciati separati. Ma non si tratta di disaggregazione, ma di gestione locale di folle sempre più grandi. In definitiva, il problema della congestione del Gottardo non può essere risolto costruendo nuove autostrade su tutta la tratta nord-sud.

Anche l'apartheid" era disaggregazione"
"la disaggregazione" non ha mai funzionato nella storia umana. In Sud Africa, ad esempio, volevano "disaggregare" le popolazioni bianche e nere. La disaggregazione ha semplicemente un nome diverso qui: apartheid. E anche in Germania, 80 anni fa, la gente voleva una separazione definitiva. Entrambi, sono finiti in un disastro colossale. E le attuali manifestazioni di Black Lifes Matters negli Stati Uniti, riguardano essenzialmente la lotta contro la disaggregazione sociale ed economica. E questa strategia dovrebbe indicare la strada verso il futuro della mountain bike?

La storia recente dell'umanità ha dimostrato che il modello futuro si chiama “l'uno CON l'altro” e non “l'uno CONTRO l'altro”. Tuttavia, ogni pista ciclabile o trail di nuova costruzione favorisce il conflitto, perché si basa sul modello di pensiero: mountainbiker lì, escursionisti là. Con questo ci stiamo dirigendo direttamente nel vicolo cieco della "separazione".

Fonte: ride.ch/blog/giger

Boom! La svizzera Camille Balanche a Leogang, diventa campionessa del mondo nella disciplina downhill!

Incredibile: in una folle gara, Camille Balanche è diventata la prima donna svizzera a vincere il titolo mondiale d'elite nella disciplina del downhill. Sale al trono al posto della... campionessa in carica, la francese Myriam Nicole, terza la slovena Monika Hranstnik. Nella categoria maschile, Reece Wilson vince a sorpresa: Noel Niederberger si piazza al 25° posto.

I campionati mondiali di discesa sono degenerati in un piccolo disastro a causa del maltempo. I nuovi tratti nel bosco sono già ammorbiditi, arruffati e praticamente impraticabili già prima della gara, ma col tempo durante le discese valide per le qualifiche, sono diventati sempre più gestibili, ma comunque abbastanza difficili da completare senza intoppi di vari tipi.

Il giorno della gara, la pioggia trasforma completamente la pista in uno scivolo, spesso impraticabile. Molti atleti spingono persino le loro bici, soprattutto sulle linee trasversali. Gli pneumatici sono così impastati di fango che il normale funzionamento é praticamente impossibile, per non parlare di una guida controllata. I trailbuilder probabilmente avevano ottimi propositi, ma hanno completamente ignorato il rischio di maltempo tipico del periodo autunnale - questo non è rappresentativo per questo sport.

“Sono caduta in quasi ogni sessione d'allenamento, motivo per cui il mio obiettivo principale era scendere una run "sicura” e non forzare nulla, né lasciarmi stressare. Rimanere calma era la mia chiave per l'oro. Non mi rendo davvero ancora conto di aver vinto. Diventare campionessa del mondo è un grande desiderio di ogni atleta, e averlo raggiunto, rimane per sempre», afferma Camille Balanche dopo il suo più grande successo.

Facciamo i nostri auguri a Camille per il grande risultato ottenuto, in condizioni così estreme.

Ticino freeride TV

Pin It on Pinterest

Share This